• blogger-square
1/16

Che il tatuaggio sia una delle più antiche forme di espressione artistica dell’uomo è ormai comunemente accettato e le continue scoperte di testimonianze in questo senso da parte degli antropologi ci confermano quanto questa pratica sia stata diffusa e culturalmente significante.

Non si sa  esattamente  perché il tatuaggio abbia da sempre suscitato tanto fascino sugli uomini, ne’ si conoscono le origini e le radici dell’impulso che li muove verso di esso , ma è certo che il gesto di incidere sulla propria pelle un segno è indissolubilmente legato all’atto primario di fare arte con qualunque strumento e probabilmente questo mistero è ancora oggi  parte importante del suo fascino.

 Chi decide di farsi tatuare decide di compiere un atto di espressione definitivo, irrazionale e intimamente personale e quasi sempre i segni che sceglie di farsi incidere sulla pelle hanno lo scopo di produrre una traformazione del suo corpo che rafforzi l’immagine positiva  che egli  ha di sè.

Il tatuaggio è quindi un gesto serio e profondo ma è allo stesso tempo anche un gioco come  lo sono tutte le altre forme di decorazione del corpo: divertirsi, giocare con se stessi e con il proprio corpo è parte importante dell’atto di tatuarsi.

Per questo il tatuaggio ha sempre  avuto una lettura sociale positiva nelle civiltà primitive;

è solo  dove sistemi autoritari e repressivi si sono appropriati direttamente di esso come strumento di punizione e umiliazione -come  ad esempio nelle società tradizionali ebraiche cristiane -che esso suscita angoscia,  rigetto e  repulsione .

Questo spiega  forse perchè il tatuaggio provoca ancora oggi da noi fascino ma anche inquietudine; perchè  continui ad essere emarginato  e ignorato dalla cultura ufficiale e relegato tra i fenomeni di controcultura mentre sempre più persone di tutti gli strati sociali lo fanno proprio, anche pubblicamente, senza alcun problema.

 

 

 

© 2023 by LayOnMe. Proudly created with Wix.com

  • w-facebook
  • Twitter Clean
  • w-blogger